Paria e divinità di Bruxelles

6 aprile 2012

L’esternalizzazione delle risorse umane da parte delle istituzioni europee – al di là della poco condivisibile etica del lavoro che ne è alla base – ha causato un effetto inatteso: l’inserimento massiccio di “esterni” (forse sarebbe più appropriato il termine “paria”) che beneficiano di condizioni di lavoro molto (MOLTO) peggiori di quelle riservate ai funzionari europei sta velocemente creando la consapevolezza diffusa dello scollamento con la realtà di questi luoghi di produzione di politiche. E quando si parla di “inserimento massiccio” si intende che sono stati esternalizzati i servizi informativi (help desk, call center, etc.) e la sicurezza, solo per fare due esempi macroscopici: frotte di persone che lavorano negli stessi edifici riservati ai funzionari e percepiscono un terzo, se non meno, del loro stipendio, non usufruiscono dei loro benefit, non hanno alcuna possibilità di fare carriera all’interno delle istituzioni né di rivendicare da esse diritti. Forza lavoro che costa meno, chi se ne frega del resto. One night stand, baby, now fuck off.
Stamattina parlavo con una funzionaria di circa sessant’anni che diceva di avere una figlia della mia età e mi chiedeva perché non avessi figli. Da connazionale le ho risposto ironicamente – presupponendo che conoscesse la situazione in Italia – che alla mia età non si usa, sono troppo giovane. Lei mi ha guardata in modo strano, quindi ho aggiunto: “Eh, sa, con le condizioni lavorative che ci sono in Italia – solo contratti precari, nessun ammortizzatore sociale – non è molto facile fare figli, soprattutto se le famiglie sono lontane.” E la sua risposta è stata: “Eh, lo so che è un po’ una moda, però io non sono d’accordo a mettere il lavoro sempre prima di tutto.” Io: “Mah, e se uno rimane senza lavoro come fa con i figli? Non è che in Italia ci sia uno stato sociale…” Lei: “Sarà che vengo da una città dove si vive molto bene…” Eh, sì, sarà pure che i tuoi contatti con la realtà risalgono al paleolitico e chissà dove hai piazzato a lavorare quella raccomandata di tua figlia. Stronza. E dire che questa è gente che è entrata a lavorare nelle istituzioni quando per vincere un concorso europeo bastava praticamente poco più che saper leggere e scrivere – adesso è più o meno come beccare un terno al lotto, altro che titoli e competenze. Eppure quanto si sentono superiori ai paria con master e dottorati che lustrano i pavimenti dei loro uffici.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...